Conservativa

L’odontoiatria conservativa, o restaurativa, è quella branca dell’odontostomatologia che si occupa della prevenzione e della terapia delle lesioni, sia congenite che acquisite, dei tessuti duri dei denti. In generale si occupa della cura dei denti interessati da processi cariosi, ma i suoi obiettivi sono molteplici:

  • l’eliminazione dei fattori causali della malattia
  • la motivazione del paziente ad un ottimale controllo della placca batterica ed a seguire una corretta alimentazione
  • l’intercettazione ed arresto, se possibile, delle lesioni decalcificanti iniziali mediante terapie non invasive e di rimineralizzazione;
  • la prevenzione delle lesioni cariose mediante misure non invasive (sigillatura dei solchi)
  • la terapia convenzionale delle lesioni dei tessuti duri per il mantenimento della vitalità pulpare e la prevenzione di futuri danni ai tessuti calcificati
  • la restituzione di forma e funzione dei singoli denti
  • l’integrazione estetica del restauro alla normale distanza di conversazione, se ciò é desiderato dal paziente e clinicamente attuabile

L’odontoiatria conservativa, non accompagnata da attente misure di prevenzione e profilassi, risolve solo temporaneamente i problemi del paziente; le lesioni cariose, infatti, torneranno probabilmente a manifestarsi. È consigliabile, perciò, che le procedure restaurative siano accompagnate e seguite da misure di profilassi individuale.